a10adfb8-d2f5-42ab-927f-e0b3dab7eca8

18 marzo 2017 . ErosAntEros alla Soffitta di Bologna per il convegno TERZO TEATRO. IERI, OGGI, DOMANI

sabato 18 marzo
ore 10-18
Laboratori delle Arti/Auditorium - piazzetta P. P. Pasolini 5/b (ingresso via Azzo Gardino 65), Bologna
tel. 051 2092400

TERZO TEATRO
IERI, OGGI, DOMANI
a cura di Roberta Ferraresi

Convegno | partecipano Roberto Bacci, Mario Barzaghi, Claudia Contin Arlecchino, Beppe Chierichetti, Horacio Czertok, Pino Di Buduo, Marco De Marinis, Renzo Filippetti, Piergiorgio Giacchè, Lorenzo Gleijeses, Raimondo Guarino, Marco Martinelli, Ferruccio Merisi, Nicola Pianzola e Annadora Dorno, Oliviero Ponte di Pino, Armando Punzo, Clemente Tafuri e David Beronio, Stefano Tè, Agata Tomsic e Davide Sacco, Gabriele Vacis, Cristina Valenti, Mimma Valentino
INGRESSO LIBERO

«Esiste, in molti paesi del mondo, un arcipelago teatrale che si è formato in questi ultimi anni, pressoché ignorato, sul quale poco o nulla si riflette, per il quale non si organizzano festival né si scrivono recensioni». Un arcipelago distinto dal “primo” teatro, quello ufficiale, e dal “secondo”, quello d’avanguardia: un terzo teatro.

Sono passati quarant’anni da quando Eugenio Barba, con queste parole, ha voluto descrivere un fenomeno unico nella storia del Nuovo Teatro, esploso imprevedibilmente alla metà degli anni Settanta e altrettanto inaspettatamente – almeno in apparenza – rifluito nel giro di poche stagioni nelle storie singolari di artisti e compagnie. Moltissimo è cambiato da allora, nel teatro, nell’arte, nella società. A distanza di quarant’anni, però, si possono rintracciare (a sapere e volere cercarli) non pochi indizi forti – più o meno visibili – di permanenza e ricorrenza, che capita magari di scoprire in aree inaspettate delle stagioni successive del Nuovo Teatro. Ma se «non sono gli stili o le tendenze espressive che contano» – come rilevava ancora Barba nel 1976 nel suo celebre e discusso “manifesto” – dove e come rintracciare oggi i nodi che hanno segnato la nascita, la diffusione, l’esaurimento ma anche, nonostante tutto, la (spesso sotterranea) persistenza e la vitalità (ai più invisibile, purtroppo) dell’esperienza del Terzo Teatro in Italia? Proviamo a rispondere muovendoci come al solito fra pratica e teoria, con la proposta di una serie di spettacoli di gruppi storici e compagnie dell’ultima leva e un momento conclusivo in forma di convegno, dove saranno chiamati a confrontarsi insieme artisti, operatori, critici e studiosi di varia provenienza e di diverse generazioni.

http://www.dar.unibo.it/it/ricerca/centri/soffitta/2017/teatro/terzo-teatro-convegno