Prima di salire

24 settembre 2014 . IL VIAGGIO

#cartolinedaholstebro

Odin2014

Partenza all’alba ancora buia da Ravenna. Serie di tentativi (vani) di dormire durante il viaggio in treno e in autobus: troppa luce, troppo sole e, sopratutto, troppo rumore su questi mezzi pubblici italiani. E dopo un viaggio in aereo all’insegna della ricerca di identificazione delle cime montuose tra le nuvole… Eccoci finalmente in Danimarca. Pioggia, grigiore e mezzi pubblici silenziosi… Tanto tantissimo verde erba e verde bosco, inframezzato da graziose casette monopiano dai tetti aguzzi e mattoni rossi, e tante, tantissime bellissime mucche che pascolano e osservano flemmatiche il nostro passaggio in autobus e poi in treno.
Arrivati alla stazione di Holstebro un angelo ci aspetta al binario: si chiama Pierangelo Pompa e da qui fino alla partenza ci guiderà nella nostra avventura.
Arriviamo al teatro che è ormai buio. Il tempo di sistemarci nella cameretta (ovviamente la numero 7!) e ci chiamano per la cena. Il nostro angelo è anche un ottimo cuoco e scesi nella biblioteca ci presenta Barbara, una ragazza francese che collabora con lui nel progetto Altamira (compagnia in residenza permanente qui a Holstebro a partire dalla prossima settimana), e un’altra custode dei segreti e dei luoghi di questo posto meraviglioso, Selene D’Agostino, che, assieme a lui, ci assisterà durante tutta la residenza.