Nympha_MT_Web_02

Claudia Quaglieri su Nympha, mane!, Recensito.net, 23 maggio 2012

TDV 2012 – “Nympha, mane!” di ErosAntEros
Claudia Quaglieri, RecenSito.net, 23 maggio 2012

Un mondo al limite della realtà è quello che emerge dal primo buio sulla scena del Palladium. Una costruzione scenografica e performativa attentissima creano un paesaggio onirico entro il quale si muove una figura dalle fattezze umane. “Nympha, mane!”, il nuovo lavoro di ErosAntEros, presentato in anteprima a Bologna lo scorso gennaio, si sviluppa da uno studio sulla figura mitologica della ninfa e delle influenze, dirette o indirette, che questa può avere sull’uomo. Si tratta di un viaggio seducente nei movimenti, nei suoni, e nelle attrazioni che hanno caratterizzato queste creature nelle diverse immaginazioni e immaginari. Forse una proiezione di una parte noi, forse il corpo di quella voce off che, a intervalli su un buio assoluto, segue il battere di tasti a macchina, intenti a descrivere clinicamente allucinazioni, voci e punti luminosi. Oppure, forse, assistiamo alla nascita di un’illusione, di un’ossessione che prende vita dall’uomo e dalla sua proiezione mentale, per svilupparsi, crescere, fino prendere il sopravvento sulla vita stessa. L’immagine vive e l’uomo soccombe, le due realtà si fondono in una sola, non più identificabile.
Lo sfondo sonoro è un tappeto continuo di intrecci elettronici, delle sospensioni ripetitive che creano un non luogo, un non spazio ideale per avvistamenti di una creatura ammaliante. Questo essere femmineo, rinchiuso in un acquario dalle pareti specchiate, incastrato nella scena, comunica raramente a voce ma si fa riconoscibile attraverso il suo rapporto con il colore. Reagisce a stimoli cromatici, creando un dialogo continuo, visionario e affascinante tra la mente dell’uomo e la sua natura informe.
Un percorso nei labirinti della mente, nei giochi di suggestioni più o meno autoindotte, che sviluppano un universo di immagini e suoni mescolati in una trama sospesa.
Uno sguardo su un mondo onirico-mitologico, sull’immaginazione dell’uomo e le sue alterazioni.