TF_EF_Web_11_Col_Kounelaki

Estasia su asprakounelia (Treno Fantasma), 21 settembre 2011

EROSANTEROS: VIAGGIO AI CONFINI DELLE PAURE
Estasia, Estasia, 21 settembre 2011

“Una ragazza… Forse è una bambola? …trascina i suoi ospiti all’interno di una casetta nera… La sua stanza dei giochi? Voci… in un buco nero…”
Inizia così lo spettacolo asprakounelia (Treno Fantasma) messo in scena da Davide Sacco e Agata Tomsic, ovvero il duo ravennate ErosAntEros che propone al pubblico un’esperienza teatrale in grado di sollecitare i sensi e rievocare spettri nascosti. La performance si svolge completamente al buio, si odono solamente due voci, rumori improvvisi investono l’udito che cerca di carpirne la provenienza. Immagini incomplete e veloci restituiscono frammenti di una dimensione vicina a quella del sogno, o meglio dell’incubo. Ci si sente incastrati e senza via d’uscita in un gioco perverso cui si è scelto volontariamente di partecipare, per il gusto vedere, per il gusto di scoprire fin dove si spingerà l’acceleratore.