ErosAntEros_Nympha_ContagiMnestici_1024

Contagi mnestici

progetto di contaminazioni che accompagna lo spettacolo Nympha, mane!

Atlanti - Calendario

ErosAntEros coinvolge alcuni ospiti all’interno di un progetto di contaminazioni sul tema della ninfa, che accompagna lo spettacolo Nympha, mane!. Durante ciascun Contagio mnestico l’immaginario ninfale della compagnia viene sottoposto a uno sguardo esterno con la richiesta di contagiarlo con il proprio. Grazie a questo incontro l’atlante iconografico di partenza cresce acquisendo gli influssi e le metamorfosi che, di volta in volta, il nuovo immaginario suggerisce.

a cura di ErosAntEros
ideati con Silvia Mei

Cosa sono?

I Contagi mnestici, nascono in risposta al desiderio di ErosAntEros di trovare forme nuove attraverso cui condividere il percorso di ricerca sulla Ninfa, che ha segnato il lavoro della compagnia per quasi quattro anni. Si tratta di un tracciato di incontri in dialogo con delle figure che ErosAntEros sente vicine al proprio percorso artistico e assieme alle quali desidera esporre pubblicamente il proprio immaginario ninfale, chiedendo loro di collaborare attivamente durante gli incontri per generare aperture e contaminazioni. Per fare ciò, la compagnia, ha esposto le immagini più significative del proprio viaggio attorno alla Ninfa all’interno di una particolare mappa-atlante, che trasforma il prototipo delle tavole dell’Atlante Mnemosyne di Aby Warburg in un dispositivo capace di accogliere fonti ancora più eterogenee, mettendo in relazione testi, immagini, estratti audio e video all’interno di un enorme spazio neutro, sempre modificabile.

Nei mesi che hanno preceduto il debutto dello spettacolo, l’incontro con Silvia Mei (ricercatrice in Performing Arts, curatrice indipendente e critica militante) ha segnato l’evoluzione di questi contagi: il suo contributo è stato fondamentale alla realizzazione della forma attuale.

Come funzionano?

ErosAntEros suddivide i propri materiali espositivi in cinque zone di senso, a cui associa cinque immagini- chiave che, assieme ad altrettante parole-chiave, verranno sottoposte all’ospite invitato chiedendoli di articolare la propria risposta in immagini a partire da esse. Da queste stesse immagini-chiave ErosAntEros diramerà, per libere associazioni di pensiero, il proprio percorso attraverso l’Atlante Corrente nell’incontro. Quando parliamo di immaginiè fondamentale chiarire che per immagini, ErosAntEros intende tutte le forme testuali citate in precedenza, omettendo qualsiasi tipo di gerarchia tra di loro. E anche agli ospiti invitati viene chiesto di considerarle allo stesso modo nella propria risposta.

Il gioco consiste nel proporre queste cinque immagini-chiave (associate alle relative cinque parole-chiave) all’ospite, come fossero delle carte a cui rispondere diramando da esse le proprie associazioni immaginifiche attraverso l’apporto di nuove carte-immagini, in risposta a ciascuna di quelle ricevute. Una volta scelte le immagini con cui desidera rispondere, si chiederà all’ospite di collocarle egli stesso all’interno dell’Atlante Corrente propostogli dalla compagnia, nelle posizioni che più ritiene opportune per esprimere il proprio viaggio mnemonico. Il contaminatore è con ciò libero di imporre la propria personale visione all’Atlante Corrente proposto, con un’unica limitazione: il tempo massimo di 5 minuti di esposizione per ciascuna immagine-chiave, durante l’incontro.

Una memoria sempre consultabile

ErosAntEros ha deciso di rendere la propria forma di presentazione sempre disponibile e navigabile sul sito della compagnia, in maniera analoga a come avviene in diretta durante ciascun Contagio mnestico. L’idea è di creare un Atlante che sia un’opera aperta, infinita, in continua trasformazione. Per questo motivo, si è scelto di conservarne la memoria attraverso delle tracce, scatti multimediali dell’Atlante in situazione di arresto, tra un contagio e l’altro, prima del nuovo cambiamento. Per seguirne le metamorfosi è sufficiente collegarsi al sito della compagnia, alla pagina Contagi mnestici, e immediatamente si potrà godere di tutte le immagini che i vari ospiti hanno, di volta in volta, apportato all’Atlante loro sottoposto.

Ospiti che hanno già partecipato aderito al progetto

Vai agli ATLANTI

Scarica qui il PROGETTO CONTAGI MNESTICI in fomato pdf

Fotografie di Chiara Ferrin © Tutti i diritti riservati: