Nympha_MT_Web_01

Nympha, mane!

Sguardi - Riconoscimenti - Calendario
Contagi mnestici

Nympha è immagine. Appare di rado. A chi si presta a cercarla.
Nympha è riflesso. Specchio. Altra parte della realtà. Al di là di una soglia. Che non si può varcare.
Nympha è allucinazione. Ricordo antico. Vero o soltanto immaginato. Che ci viene a cercare.
Nympha è sogno. Perverso, agognato. Reiterato. Malattia di un ossesso.
Nympha è doppio. Luce, ombra. Peculiare follia.
Nympha è fantasma. Presenza-assenza. Impalpabile. Astratta.
Nympha è frammento. Senza luogo, né tempo. Percepibile per sospensione.
Nympha è movimento. Inafferrabile. Appena imprimibile sulla retina di chi la guarda.
Nympha è conoscenza. Quieta. Incanto che incanta. Terribile.

“Condannate a un’incessante, amorosa ricerca dell’uomo, le ninfe conducono sulla terra un’esistenza parallela. Create non a immagine di Dio, ma dell’uomo, esse ne costituiscono una sorta di ombra, di imago e, come tali, perpetuamente accompagnano e desiderano – e ne sono, a loro volta, desiderate – ciò di cui sono immagine. […] La ninfa è l’immagine dell’immagine, la cifra delle Pathosfomeln che gli uomini si trasmettono di generazione in generazione e a cui legano la loro possibilità di trovarsi o di perdersi, di pensare o di non pensare. […] Come gli spiriti elementari di Paracelso, le immagini hanno bisogno, per essere veramente vive, che un soggetto, assumendole, si unisca a loro; ma in questo incontro – come nell’unione con la ninfa-ondina – è insito un rischio mortale. Nel corso della tradizione storica, infatti, le immagini si cristallizzano e trasformano in spettri, di cui gli uomini diventano schiavi e da cui sempre di nuovo occorre liberarli.”
(Giorgio Agamben)

ideazione, regia, spazio, video: Davide Sacco e Agata Tomsic
drammaturgia e testi: Agata Tomsic
music e light design: Davide Sacco
voci e presenze: Davide Sacco e Agata Tomsic
costumi: Laura Dondoli
produzione: E / ErosAntEros
con il sostegno di: Armunia – residenza presso Castello Pasquini, Castiglioncello (LI); Drammatico Vegetale / Ravenna Teatro – residenza presso Vulkano, Ravenna
durata: 50′ circa
prima assoluta: Pas d’habitude, Bologna, Sì (Teatrino Clandestino), 13-14 gennaio 2012

spettacolo finalista Premio Tuttoteatro.com Dante Cappelletti 2011
testo vincitore Premio Istria Nobilissima 2012
testo finalista Premio Firenze 2012

Scarica qui gli APPROFONDIMENTI NINFOLETTICI in formato pdf

Fotografie di Michele Tomaiuoli © Tutti i diritti riservati:

Fotografie di Claudio Oliva (Teatro Deluxe) © Tutti i diritti riservati:

Fotografie di Carlo Bragagnolo © Tutti i diritti riservati:

Fotografie di Enea Tomei © Tutti i diritti riservati: